Post

Riflessioni da una comunità psichiatrica ai tempi del coronavirus.

Il 13 maggio 1978, era promulgata la legge n. 180 "Accertamenti e trattamenti sanitari volontari e obbligatori", comunemente chiamata “Legge Basaglia”, una vera e propria rivoluzione nell’ambito dei servizi di salute mentale che portò, in particolare, alla chiusura dei manicomi. A pochi giorni dal suo “anniversario”, in un periodo in cui l’emergenza Coronavirus ha fatto esplodere le contraddizioni portate dalla malattia, dalla vecchiaia, dalla disabilità, dalla povertà, dalle migrazioni, sempre meno assunte e affrontate in un’ottica comunitaria, val la pena provare a ricordarla attraverso le riflessioni di chi attualmente attraversa le moderne istituzioni comunitarie.  "L'articolo "Fino ad oggi ho cercato di soffrire nel modo migliore possibile. Riflessioni da una comunità psichiatrica ai tempi del coronavirus" è tratto dal sito di Animazione Sociale.




Persone e Diritti: per una società inclusiva.

"In cerca di Pace", dal carcere alla Festa dei popoli.

Luglio 2019. Il mare oltre le sbarre.

La “ferocia degli sgomberi” negli sguardi dei bambini. Oggi a Roma come ieri ad Asti.

Notti solidali per la Sea Watch 3 e Carola Rackete.

Asti Pride, discorsi d’odio e responsabilità politiche.

Aeroporto di Bologna: “… se sei disabile tu con il tuo corpo sei un problema”.

Il sessismo nel calcio: un problema grave che interroga l’intera società.

Uno spiraglio di luce sul diritto all’abitare.

Elezioni europee e persone con disabilità.